martedì 9 ottobre 2007

INFANZIA

vecchie scartoffie di tempi lontani

avari ricordi di frasi che furono

farsa di sentimento allontanati da me

5 commenti:

Anonimo ha detto...

che bravo!ciao siamo del circolo della poesia di erba,è per caso possibile organizzare una serata di poesia col maestro?

il poeta ha detto...

carissimi purtroppo il maestro vive da qualche anno ormai in un eremo e solo tramite noi ha scelto di manifestarsi al mondo esterno,quindi purtroppo dovrete accontentarvi di questo o altrimenti se volete esiste un sito di approfondimento all'indirizzo


http://tritticohymalaya.blogspot.com

Anonimo ha detto...

davvero?tutto ciò è molto interessante cmq abbiamo mandato una mail aspettiamo una vostra risposta grazie

Anonimo ha detto...

questa è la piu toccante poesia sull'infanzia che abbia mai letto...grazie maestro per queste perle di saggezza, spero un giorno di poterti incontrare di persona.
giulia

Anonimo ha detto...

Bellissima...mi ha ricordato la mia infaniza, quando sdraiato nell'erba sotto un salice (là dove sol non coglie) pensavo intensamente ai punti invisibili rincorsi dai cani e a stanche parabole di vecchi gabbiani. Grande Ermenegildo Enrico