venerdì 16 novembre 2007

NAUFRAGO AD AMSTERDAM

vagante nella pioggia al di sotto di un cielo plumbeo

cercando uno squarcio di vita nel De Wallen

riflettendo nel barakka,il solito grazie

tra poeti e meretrici,ladri e spacciatori

odo in lontanza il rombo di un tuono

sarà la natura

o solo il riflesso del mio cervello ormai bruciato?

definitivamente

3 commenti:

John Bertain ha detto...

pulzetti ti amo (non sono gay)

Anonimo ha detto...

questa è di certo la migliore

alessio

Anonimo ha detto...

il massimo!!!!